Poggioreale (NA) | Detenuto ubriaco e armato di forbicine tenta di aggredire agenti

Poggioreale (NA) | Detenuto ubriaco e armato di forbicine tenta di aggredire agenti

Ancora una violenta aggressione si è verificata in un carcere ai danni di un agente della Polizia Penitenziaria: questa volta l’episodio ha avuto luogo presso la casa circondariale di Poggioreale a Napoli. Un detenuto in stato di ubriachezza, armato di forbicine, ha minacciato di attaccare il personale intervenuto per sedare una lite tra due detenuti. Fortunatamente, è stato prontamente neutralizzato.

Il segretario regionale CON.SI.PE Campania, Luigi Castaldo, ha sottolineato come la gestione di detenuti aggressivi e con problemi psichiatrici ponga seri rischi per l’incolumità degli agenti penitenziari e per l’ordine e la sicurezza nelle strutture detentive. Le risorse attualmente disponibili non sono sufficienti per affrontare adeguatamente gli eventi critici causati da questi tipi di detenuti, data la loro imprevedibilità.

Castaldo ha sollecitato un incremento di psicologi, psichiatri, medici e infermieri, nonché la creazione di strutture appositamente dedicate al trattamento dei detenuti con disturbi psichiatrici. Ha inoltre evidenziato l’importanza dell’utilizzo del taser per prevenire situazioni di colluttazione e l’uso eccessivo della forza, che talvolta può sembrare sproporzionato. La presenza di detenuti con problemi psichiatrici all’interno delle carceri della Campania, ha sottolineato, sta minando la tranquillità degli altri detenuti e mettendo a rischio la sicurezza complessiva della struttura.