Reggio Calabria | Viaggi d’istruzione: culla della Magna Graecia si propone come meta turistica per gli studenti

Reggio Calabria | Viaggi d’istruzione: culla della Magna Graecia si propone come meta turistica per gli studenti


Il luogo di origine della Magna Grecia sta cercando di attirare gli studenti come destinazione turistica. I liceali di tutta Italia potrebbero scoprire che i coloni calcidesi, seguendo le indicazioni dell’oracolo di Delfi fino alla foce del fiume Apsia (l’attuale fiumara Calopinace), trovarono una vite avvinghiata a un fico selvatico e fondarono Rhegion. Tuttavia, secondo i dati, la Calabria non è una delle destinazioni preferite per le gite scolastiche. Come possiamo invertire questa tendenza e far sì che le scuole del Sud Italia considerino la Calabria come meta turistica, anziché puntare verso la Puglia o la Basilicata? Il consigliere comunale e metropolitano, Giuseppe Marino, sta proponendo una serie di iniziative da realizzare in collaborazione con altri soggetti del territorio per promuovere il ricco patrimonio storico della città, che ospita i celebri Bronzi di Riace e molte altre testimonianze di un passato illustre e importante.

“Abbiamo un patrimonio straordinario da valorizzare. Il nostro territorio ospita al Museo Archeologico Nazionale importanti reperti della nostra storia, oltre ai famosi Bronzi di Riace. Nell’area grecanica, il greco calabrese è ancora vissuto e praticato. Potremmo creare un pacchetto turistico di quattro giorni che includa la visita al MArRC e un’immersione nei suggestivi borghi dell’area grecanica. Inoltre, perché non trasformare il Cilea nel palcoscenico della Grecia antica?”. Questo pacchetto potrebbe essere un modo per attirare le scolaresche e avvicinarle alla nostra storia e cultura.