Soverato | Violenza sessuale sulle due ragazze da un Vibonese. In Aula il racconto di una “festa da dimenticare”

Soverato | Violenza sessuale sulle due ragazze da un Vibonese. In Aula il racconto di una “festa da dimenticare”

Il processo nei confronti del 56enne originario del Vibonese, accusato di violenza sessuale su due ragazze, di cui una minorenne, è entrato nella fase dibattimentale. Gli eventi risalgono a giugno 2023 e si sono verificati in un centro del Basso Ionio soveratese. Durante l’udienza di apertura del dibattimento, con la presenza delle due parti offese assistite dagli avvocati Vincenzo Garzaniti e Luca Procopio, il Tribunale, composto dal presidente Fogari e dai giudici Agosto e Fabio, ha consentito la costituzione delle parti e ha accolto le richieste di prova avanzate sia dalla difesa dell’imputato che dalle parti civili.

Nell’udienza è stata ascoltata solo una delle due vittime, la minorenne. Successivamente, l’avvocato Garzaniti ha sollevato una questione preliminare per conto della ragazza, chiedendo al pm di aggiungere al capo di imputazione anche l’abuso attraverso l’uso di sostanze alcoliche, oltre all’aggravante già contestata di violenza sessuale su minore. Il pm ha proposto di valutare questa richiesta solo dopo l’esame della minore in aula, per motivi di economia processuale. Di conseguenza, il collegio ha proceduto con l’esame della vittima. La minore è stata ascoltata per quasi due ore, sottoposta ad esame e controesame delle parti, confermando sostanzialmente tutte le circostanze che hanno portato l’imputato a essere processato.