Messico | Uomini del cartello di Sinaloa scaricano cadaveri come atto intimidatorio

Messico | Uomini del cartello di Sinaloa scaricano cadaveri come atto intimidatorio

La scena orribile, catturata dalle telecamere di videosorveglianza nella città di Fresnillo, Messico, mostra un furgone che si ferma in mezzo alla strada. Due uomini scendono dal veicolo e iniziano a scaricare cadaveri dal bagagliaio, lasciandoli sull’asfalto come se fosse una pratica comune. Le immagini mostrano nove corpi senza vita abbandonati in due diverse aree della città.

La polizia locale ha attribuito questo gesto macabro a un gruppo criminale conosciuto come i Sinaloa, che ha anche lasciato messaggi intimidatori rivolti a un gruppo rivale. Il segretario generale del governo di Zacatecas, Rodrigo Reyes, ha confermato la scoperta dei corpi e dei messaggi intimidatori. Il giornalista Angel Martínez ha diffuso le immagini della scena tramite i social media.

Questo episodio rappresenta l’ultimo capitolo di una guerra tra bande criminali senza precedenti nella regione. Solo pochi giorni prima, il 5 maggio, l’esercito messicano era intervenuto per arrestare sei presunti membri del cartello di Sinaloa. Le autorità hanno aumentato la presenza di agenti di polizia per affrontare questa emergenza. La città di Fresnillo, già nota per episodi simili, è al centro di una contesa tra due potenti cartelli messicani, Sinaloa e Jalisco Nuova Generazione.