Aosta | Condannato a Dieci Anni il Presunto Aggressore per Sfregio con un Coltello

Il Giudice dell’Udienza Preliminare di Aosta, Luca Fadda, ha condannato in abbreviato a dieci anni di reclusione Saverio Zampaglione, un uomo di 46 anni residente ad Aosta, accusato di deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso.

Secondo quanto emerso dalle indagini della polizia, coordinate dal pm Luca Ceccanti, il 24 febbraio 2023 Zampaglione avrebbe sfregiato un uomo di 49 anni, provocandogli una cicatrice permanente sul volto. Gli inquirenti sostengono che l’aggressione sia stata motivata da una sorta di vendetta personale, poiché Zampaglione avrebbe voluto “punire” l’uomo per una presunta relazione che quest’ultimo aveva avuto in passato con la sua ex compagna.

L’aggressione sarebbe avvenuta nel parcheggio di un ipermercato a Pollein, nei pressi di Aosta, dove i due si erano incontrati per discutere. Secondo la ricostruzione della squadra mobile di Aosta, Zampaglione avrebbe aggredito l’uomo con un’arma da taglio, causandogli una grave ferita al volto. La vittima è riuscita a fuggire e a chiedere aiuto ai vigili del fuoco, che hanno poi contattato il servizio sanitario di emergenza. L’uomo è stato quindi trasportato all’ospedale regionale Parini di Aosta per ricevere le cure necessarie.

Le indagini sono state in grado di risalire a Zampaglione attraverso le telecamere di videosorveglianza della zona, e in seguito sono state trovate tracce di materiale organico nel suo veicolo, alcune delle quali compatibili con il profilo genetico della vittima. Zampaglione è stato quindi arrestato nell’estate del 2023 in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare.

Dopo la sentenza, gli avvocati di Zampaglione hanno annunciato l’intenzione di presentare appello contro la decisione del giudice.