Balneari | Tar di Bari proroga 21 concessioni a Monopoli fino al 2033

Balneari | Tar di Bari proroga 21 concessioni a Monopoli fino al 2033


Il Tar di Bari ha dichiarato illegittima la procedura di gara per la concessione di 21 stabilimenti balneari a Monopoli (Bari) e ha annunciato la proroga delle concessioni fino al 2033″.

Lo ha comunicato una nota congiunta di Assobalneari Italia, affiliata a Confindustria, e La Base Balneare con Donnedamare, che rappresentano insieme il 70% della categoria. “Accogliamo favorevolmente le decisioni del Tar pugliese – hanno commentato – poiché contribuiscono a creare chiarezza in un momento cruciale per la stagione balneare. Tuttavia, la soluzione definitiva della questione deve provenire dall’ambito politico e sollecitiamo un chiarimento urgente e tempestivo”.

Le associazioni hanno inoltre precisato che la terza sezione del Tribunale pugliese ha emesso 21 sentenze separate, evidenziando che le gare per le concessioni demaniali marittime non sono necessarie, in quanto il diritto europeo richiede solo la pubblicazione delle istanze di proroga/assegnazione delle concessioni all’albo comunale. Questo è in linea con la pronuncia della Corte di Giustizia europea del 20 aprile 2023, che ha concesso agli Stati membri un’ampia discrezionalità sulle disposizioni volte a garantire l’imparzialità e la trasparenza delle procedure di selezione.

L’avvocato Nicolò Maellaro, vicepresidente nazionale di La Base Balneare con Donnedamare, che ha difeso le ragioni dei 21 stabilimenti insieme all’avvocato Fabio Colonna, ha commentato: “Il caso di Monopoli dimostra che, in base al diritto europeo, non vi è alcuna necessità di bandire gare per le concessioni. È quindi essenziale continuare un dialogo tempestivo e tecnico con la Comunità europea e ottenere urgentemente un intervento legislativo da parte del Governo italiano che eviti ai comuni di procedere in modo disomogeneo”.