Bologna | Arrestati un 33enne e un 40enne per stalking: uno alla madre, l’altro alla compagna

Bologna | Arrestati un 33enne e un 40enne per stalking: uno alla madre, l’altro alla compagna

Un nuovo caso di stalking è stato scoperto dai Carabinieri. I militari della stazione di Minerbio hanno arrestato un uomo di 33 anni per aver violato la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa, emesso dal gip del Tribunale di Bologna. Questo nell’ambito di un’indagine relativa alle continue vessazioni inflitte alla madre, che includevano ingiurie e minacce di morte se non acconsentiva a fornirgli costantemente somme di denaro. Le continue richieste di denaro hanno costretto la madre a chiedere prestiti per un totale di 20mila euro.

Le vessazioni subite dalla donna, che includevano minacce come “…adesso vengo lì e ti sotterro sotto 50 metri di terra…”, hanno avuto gravi conseguenze sul suo stato psicologico, portandola a perdere 15 chili di peso. Non avendo più alternative, la donna si è rivolta ai Carabinieri per chiedere aiuto. Tuttavia, il 33enne ha continuato a violare il divieto di avvicinamento, presentandosi sul luogo di lavoro della madre, dove è stato arrestato in flagranza di reato. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, il 33enne è stato trattenuto in attesa dell’udienza di convalida per Direttissima.

Un uomo di 40 anni, invece, è stato sottoposto a un’ordinanza applicativa della misura cautelare nell’ambito di un’indagine per atti persecutori coordinata dalla Procura di Bologna. La vicenda ha avuto inizio quando l’ex compagna dell’uomo si è rivolta ai Carabinieri della Stazione di Calderara di Reno per chiedere aiuto. La donna ha raccontato ai militari che il 40enne, accecato dalla gelosia, l’ha picchiata, pedinata e minacciata di morte, arrivando persino a minacciarla con l’acido muriatico. L’uomo, incapace di accettare la fine della relazione sentimentale, ha intensificato le minacce, arrivando persino a entrare nella casa della donna, mettendo in pericolo anche il figlio minorenne. Le pressioni psicologiche subite dalla donna l’hanno portata a un forte stato di agitazione. Rintracciato dai Carabinieri, il 40enne è stato sottoposto al divieto di avvicinamento alla persona offesa.