Bologna | Quattro Arresti per Tentativo di Estorsione Mafiosa a un Imprenditore

Bologna | Quattro Arresti per Tentativo di Estorsione Mafiosa a un Imprenditore

Gli investigatori della Guardia di Finanza di Bologna, insieme a colleghi provenienti da diverse città italiane, hanno arrestato quattro persone, di cui tre napoletani e un salernitano (residente nel Bolognese), con ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip di Bologna, Sandro Pecorella, su richiesta del Pubblico Ministero Roberto Ceroni della Direzione Distrettuale Antimafia (Dda). Queste persone sono accusate di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso.

L’indagine ha rivelato che gli indagati avrebbero contattato un imprenditore bolognese, proprietario di un’azienda attiva nel settore dei trasporti e della logistica a Castel Maggiore, proponendogli la cessione, dietro pagamento, di crediti d’imposta fittizi. In particolare, l’imprenditore avrebbe dovuto acquistare da una società, gestita dai quattro arrestati, un credito IVA di circa 4,8 milioni di euro.

Secondo quanto emerso durante l’indagine condotta dalla Guardia di Finanza, la proposta commerciale si sarebbe trasformata in un tentativo di estorsione con metodi mafiosi. Gli indagati avrebbero esercitato pressioni e minacce nei confronti dell’imprenditore e della sua famiglia, utilizzando un linguaggio tipicamente mafioso e cercando di generare una condizione di grave assoggettamento e omertà. Inoltre, alcuni degli arrestati risultavano essere vicini a esponenti della criminalità organizzata camorristica.

Successivi approfondimenti sulle attività della società gestita dagli indagati hanno confermato la natura fasulla dei crediti d’imposta proposti all’imprenditore.