Brescia | 18enne cade dal baule di un’auto: la dinamica della morte di Omar e l’amico nei guai

Brescia | 18enne cade dal baule di un’auto: la dinamica della morte di Omar e l’amico nei guai

Le indagini sul tragico caso di Omar Khalaf, il giovane di soli 18 anni morto a Lonato del Garda, nel Bresciano, dopo una serata con gli amici, sono state concluse. Inizialmente si era ipotizzata una caduta con il monopattino, ma la ricostruzione successiva ha rivelato una dinamica completamente diversa. Il dramma si è consumato tra l’8 e il 9 settembre 2023. Omar e i suoi amici erano fermi sul ciglio di una strada poco trafficata, seduti sul bagagliaio aperto di un’auto, festeggiando un compleanno. Per ragioni ancora in fase di accertamento, l’auto sarebbe partita, facendo cadere Omar a terra e battendo violentemente la testa sull’asfalto. Il giovane è stato trasportato in ospedale, ma dopo alcuni giorni il suo cuore ha cessato di battere.

Secondo quanto riportato da giornali locali, l’unico indagato per l’incidente è il giovane poco più che maggiorenne che quella sera si trovava alla guida dell’auto, di proprietà di un parente, sulla quale Omar Khalaf si trovava nel bagagliaio, per gioco. La dinamica precisa dell’incidente rimane ancora da chiarire nei dettagli. Il reato per cui il giovane potrebbe essere processato è omicidio stradale. Secondo le ricostruzioni degli inquirenti, supportate dalle riprese di alcune videocamere della zona, il conducente avrebbe accelerato improvvisamente, facendo cadere il coetaneo dal bagagliaio e facendogli battere la testa sull’asfalto.