Francia | Blitz della polizia all’alba, in manette una famiglia intera…ma sbagliano casa

Francia | Blitz della polizia all’alba, in manette una famiglia intera…ma sbagliano casa

Una ventina di uomini incappucciati, appartenenti a un reparto speciale della polizia francese, hanno fatto irruzione all’alba nell’abitazione di una famiglia vicino a Rouen, nel Nord della Francia. L’intento dell’azione era quello di arrestare dei sospetti coinvolti in danni arrecati ad un’azienda, ma purtroppo gli agenti si sono sbagliati di casa. L’episodio risale alla mattina dell’8 aprile, quando la Brigata di ricerca e intervento (Bri) è entrata per errore nella casa di una famiglia.

Il signor Marc, un camionista di 50 anni, stava preparandosi per andare al lavoro quando ha aperto la porta e si è trovato di fronte agli agenti armati e incappucciati. Nonostante avesse precisato di essere residente lì solo da tre mesi, gli agenti sono entrati comunque. Al primo piano, hanno trovato la compagna di Marc, ancora a letto.

La donna, ancora in pigiama, è stata ammanettata senza nemmeno potersi vestire adeguatamente, mentre il figlio diciottenne della coppia è stato trattato nello stesso modo. Solo dopo mezz’ora gli agenti si sono resi conto dell’errore e hanno lasciato la casa senza dare spiegazioni adeguate. La famiglia è stata lasciata in uno stato di shock, con la sensazione di essere protagonisti di un evento irreale.

Il pubblico ministero di Evreux ha confermato l’errore della polizia, dovuto a un cambio di indirizzo della persona cercata per l’arresto. La famiglia sta valutando di intraprendere azioni legali per ottenere un risarcimento per quanto accaduto, mentre cerca di riprendersi dall’incidente che li ha profondamente scossi.