Genova | Paolo Emilio Signorini non risponde al gip e resta in carcere

Genova | Paolo Emilio Signorini non risponde al gip e resta in carcere

E’ durato meno di mezz’ora l’interrogatorio di Paolo Emilio Signorini da parte del gip che ha firmato la misura di cautelare. L’ex presidente dell’Autorità Portuale si è avvalso della facoltà di non rispondere. E’ coinvolto nella maxi inchiesta genovese perché a fronte della promessa di diversi vantaggi, avrebbe assicurato ad Aldo Spinelli l’accelerazione della pratica in comitato di gestione portuale del rinnovo della concessione del Terminal Rinfuse per 30 anni; la concessione di spazi nelle aree dell’ex carbonile Enel e il tombamento di Calata Concenter; oltre alla concessione di un’occupazione abusiva dell’area dell’ex Carbonile lato levante Nord e Sud.

Per questi favori, secondo gli inquirenti, Signorini avrebbe ricevuto inizialmente 15.000 euro in contanti. Poi, Spinelli avrebbe pagato a Signorini 22 soggiorni di lusso a Montecarlo, comprese giocate al casinò, «servizi in camera, massaggi e trattamenti estetici», un posto esclusivo in spiaggia, e l’ingresso al torneo Master 1000 di tennis. Tra le regalìe anche fiches per il casinò, una borsa Chanel, un bracciale Cartier in oro e la possibilità di disporre di una sua carta di credito durante un viaggio programmato a Las Vegas. Ma non è finita qui: Spinelli avrebbe anche offerto a Signorini «un incarico con retribuzione pari a 300 mila euro all’anno una volta terminato il mandato» da presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale.