Perugia | Dirigente, scuola esempio di multiculturalità

Perugia | Dirigente, scuola esempio di multiculturalità

Un esempio tangibile di multiculturalità e multietnicità è rappresentato dalla scuola primaria Pestalozzi di Perugia, dove si trova una classe composta da una sola bambina di genitori italiani e tutti i suoi compagni sono figli di coppie provenienti da varie parti del mondo.

Isa Settembrini, dirigente dell’istituto comprensivo di cui la scuola fa parte, ha fornito queste informazioni all’ANSA, sottolineando che la scuola accoglie bambini di oltre 20 nazionalità diverse.

La scuola Pestalozzi è un esempio concreto di convivenza pacifica, dove si lavora costantemente per arricchire la diversità culturale attraverso l’attività didattica in classe. L’obiettivo è creare relazioni positive che possano migliorare le competenze sia degli studenti che degli adulti coinvolti. Anche nel rapporto con le famiglie si cercano modalità speciali per stabilire legami positivi, un’impresa che sta ottenendo successo.

La dirigente ha sottolineato l’importanza di far comprendere agli studenti che la diversità è un valore aggiunto, poiché ciascuno proviene da un background culturale unico che arricchisce l’ambiente scolastico. Si promuove lo scambio culturale e si cercano punti in comune per favorire la crescita e il confronto pacifico.

L’obiettivo è lavorare sull’integrazione, sulla pace e sulla fratellanza, per costruire un futuro positivo insieme. La scuola Pestalozzi è un esempio di come la diversità possa essere un motore di crescita e di arricchimento per tutta la comunità scolastica.