Pescara | Sesso tra docente e alunna: “La prof mi chiese di cancellare le chat”

Pescara | Sesso tra docente e alunna: “La prof mi chiese di cancellare le chat”

A Pescara, una insegnante di 55 anni che lavora in un istituto superiore è stata sospesa per un anno dall’insegnamento a seguito dell’accusa di aver avuto rapporti sessuali con una studentessa di 14 anni. La situazione è stata segnalata dalla psicologa a cui la ragazza si era rivolta. Dalle testimonianze raccolte durante l’inchiesta, non emergono segni di costrizione: la ragazza di 14 anni racconta come sia nata e si sia sviluppata la relazione, ma sottolinea sempre di aver partecipato consensualmente. Tuttavia, secondo il giudice, “il rapporto di fiducia tra insegnante e allieva rende inefficace il consenso della minore”. Inoltre, gli inquirenti stanno indagando su un episodio in cui l’insegnante chiede alla sua studentessa-amante di cancellare le chat che avevano scambiato per “proteggermi”. “Ero come una figlia” Secondo quanto riportato dal Messaggero, la ragazza di 14 anni ha dichiarato che “mi piaceva molto la mia insegnante come persona, ma intendo nel senso che la consideravo un punto di riferimento. Nel senso di un’amicizia, non avevo intenzione di fare altro”. Tuttavia, l’insegnante continuava a comportarsi in modo “un po’ particolare” nei suoi confronti, chiamandola “piccola, amore, tesoro”. La ragazza dice di aver pensato che “probabilmente per lei ero come una figlia e mi sembrava normale che una madre ti chiami in quel modo”. La situazione si è poi complicata quando l’insegnante ha iniziato a fare commenti più espliciti, dicendole “sei attraente”. La ragazza racconta che “pensavo che fosse solo per scherzare. E io stessa glielo dicevo, anche perché lei è veramente una donna affascinante”. Nonostante la studentessa non si sentisse a proprio agio, “ovviamente non potevo chiederle apertamente: ‘Ma stai cercando di flirtare con me?’, perché sarebbe stato davvero imbarazzante”.