Reggio Calabria | Pesca e commercializzazione del “bianchetto”, 70 mila euro di sanzioni

Reggio Calabria | Pesca e commercializzazione del “bianchetto”, 70 mila euro di sanzioni


La Direzione Marittima di Reggio Calabria ha avviato un’ampia operazione chiamata “Sacco” per contrastare la pesca e la successiva commercializzazione del novellame di sarda, noto come “bianchetto” o nannata, che danneggia l’ecosistema marino e alimenta un fiorente mercato clandestino in Calabria e in Sicilia. La Guardia Costiera calabrese ha intensificato i controlli in mare, lungo la costa e sulle strade, con l’aiuto di mezzi aerei e navali.

Questa pratica di pesca è devastante perché intercetta pesci giovani, impedendo loro di crescere e riprodursi. È diffusa soprattutto nelle marinerie pugliesi, calabresi e siciliane, dove la domanda rimane alta. Nonostante i danni all’ambiente marino, la commercializzazione del “bianchetto” è molto redditizia, con un prezzo al dettaglio che può raggiungere fino a 30 euro al chilo.

L’operazione “Sacco” ha coinvolto un gran numero di militari della Guardia Costiera lungo la costa calabrese e lucana, da Corigliano Calabro a Maratea. Sono stati effettuati 507 controlli in mare e a terra, con l’applicazione di 26 sanzioni amministrative per un totale di circa 55.000 euro e il sequestro di 866 kg di prodotto ittico.


Dal principio dell’anno, i militari della Guardia Costiera calabrese hanno sequestrato oltre 200 cassette di novellame di sarda, totalizzando circa una tonnellata di peso. Nella località di Crucoli, la Capitaneria di Porto di Crotone ha fermato un veicolo carico di 265 kg di “bianchetto” sotto misura, infliggendo una sanzione amministrativa di 25.000 euro e procedendo al sequestro del pesce.

A Villa San Giovanni, il personale della Capitaneria di Porto di Reggio Calabria ha intercettato un furgone con 360 kg di novellame di sarda, sanzionando il conducente con 25.000 euro. Sul territorio di giurisdizione di Corigliano Calabro, la Capitaneria di Porto ha fermato un altro furgone con 380 kg di novellame di sarda, infliggendo al conducente una sanzione amministrativa di 25.000 euro. Dopo l’ispezione del personale veterinario dell’ASP, il pesce sequestrato è stato dichiarato non idoneo al consumo umano e quindi è stato distrutto. La Guardia Costiera continuerà incessantemente la sua azione repressiva contro le violazioni della legge sulla pesca e la commercializzazione illegale di prodotti ittici sotto misura, sia in mare che a terra, per garantire il rispetto delle norme a tutela dell’ecosistema marino.